Intolleranza al lattosio, quali sono i sintomi

Intolleranza al lattosio, quali sono i sintomi
11 Apr
Tra le varie tipologie d’intolleranze, quella al latte e ai suoi derivati è una delle più diffuse.
Circa il 50% della popolazione mondiale, infatti, è affetta da questo disturbo, seppur non consapevolmente, anche se esiste una chiara distinzione tra intolleranza al lattosio e intolleranza alle proteine del latte vaccino. Sui dettagli di questa differenza scenderemo a breve con un nuovo articolo.

L’incapacità di digerire il lattosio, il principale zucchero del latte, è dovuta alla carenza dell’enzima lattasi, che pur essendo molto attivo nei primi anni di vita, tende a scomparire con l’avanzare dell’età.
Seppur, buona parte degli intolleranti riesca ad assumere modeste quantità di questi alimenti senza riscontrare particolari disturbi digestivi, questa condizione si riconosce da tipici sintomi che possono creare sgradevoli fastidi nella quotidianità:
• Diarrea o stitichezza
• Crampi addominali
• Pancia gonfia
• Flatulenza e meteorismo
• Nausea e vomito
• Capogiri
• Prurito e irritazione cutanee.

Questi disturbi possono comparire soggettivamente da circa 30 minuti a 2 ore dopo aver mangiato o bevuto alimenti contenenti lattosio, in base al quantitativo consumato e della lattasi disponibile nel proprio organismo.
Per verificare l’effettiva presenza di questa intolleranza è possibile eseguire alcuni test.

Il più semplice consiste nell’escludere dalla propria dieta latte e latticini per un paio di settimane, e qualora non si avessero sintomi, reintrodurre gradualmente questi cibi per monitorarne gli effetti indesiderati.
Se questi dovessero manifestarsi, allora sarà opportuno rivolgersi al proprio medico che probabilmente consiglierà esami specifici come il Breath test oppure il Test genetico. Quest’ultimo, in particolare, può essere eseguito facilmente presso la nostra Farmacia Zorzi con un semplice prelievo di saliva dal cavo orale.
Una volta confermata questa condizione, bisognerà prestare attenzione a non assumere pietanze potenzialmente dannose, come: latte, formaggi freschi e stagionati, pane, mortadella, salame, wurstel, margarina, caramelle, gelato, piatti e snack confezionati, cioccolata (anche fondente).

Sono considerati tollerati: yogurt, Grana padano, Parmigiano reggiano, taleggio, fontina, provolone dolce e gorgonzola, in quanto alimenti a basso contenuto di lattosio.
I soggetti colpiti da questa intolleranza, dovendo evitare o limitare in maniera considerevole una vasta categoria di alimenti, sono esposti al rischio di sviluppare carenze di calcio e di vitamina D.
Sarà necessario quindi assumere questi nutrienti attraverso il consumo di particolari cibi (pesce, verdure a foglia verde, uova, tofu, soia, legumi secchi) oppure aiutandosi con supplementi o integratori.

Vuoi maggiori informazioni sull’intolleranza al lattosio?
Capire chiaramente la distinzione tra intolleranza al lattosio e alle proteine del latte vaccino?
Se hai dubbi o domande in merito, contatta il nostro staff, siamo a tua disposizione!

Prodotti correlati

PROLIFE ENZIMI 30CPS
€ 12,90 IVA esclusa: € 11,73

Prolife ENZIMI Integratore alimentare composto da 16 enzimi digestivi, prebiotico e 8 miliardi di fermenti lattici vivi per dose (2 capsule). Miscela bilanciata di enzimi, prebiotico e microrganismi probiotici. Grazie a questa associazione contribuisce a riequilibrare la flora batterica intestinale che può essere alterata da fermentazione, stagnazione e produzione di gas. Ogni enzima può coadiuvare gli enzimi già presenti nell’intestino per la digestione di proteine, carboidrati, grassi. Ingredienti Amilasi, amilasi I, proteasi I, proteasi II, proteasi III, lipasi, peptidasi, cellulasi, glucanasi, xylanasi, pectinasi, fitasi, lactasi, maltasi, invertasi, bromelina, fermenti lattici vivi (probiotici), glucoligosaccaride, vitamina B1, vitamina B2, vitamina B6, vitamina B12. Modalità d'uso Una capsula dopo i pasti principali. Si consiglia una regolare assunzione quotidiana. Ingerire la capsula con un'adeguata quantità d'acqua (un bicchiere). Assumere a stomaco pieno, per mantenere più a lungo la vitalità e l'efficacia dei fermenti lattici. Formato 30 capsule da 490 mg. Cod. VZDT017 ..

PROLIFE LATTOSIO ZERO 30CPS
€ 12,90 IVA esclusa: € 11,73

Prolife LATTOSIO ZERO Integratore alimentare per intolleranze al lattosio a base di lattasi, fermenti lattici specifici e vitamine. Non contiene proteine del latte né lattosio. Tutte le materie prime, compresi i fermenti lattici, sono state ricavate senza utilizzare molecole derivate dal latte. Ha un'elevata concentrazione di lattasi: 4500 unità per dose (2 capsule). La lattasi è un enzima di origine naturale con azione immediata e sicura nella digestione del lattosio. Una dose di Prolife Lattosio Zero aiuta a digerire 150 ml di latte in 10 minuti. Modalità d'uso -Per un'intolleranza primaria: 2 capsule prima o durante i pasti principali, fino a un massimo di 4 capsule al giorno. -Per un'intolleranza secondaria o transitoria: 2 capsule prima o durante l'assunzione di cibi contenenti lattosio. Ingerire la capsula con un'adeguata quantità di acqua. In caso di difficoltà a deglutire, aprire la capsula e sciogliere il contenuto in acqua o altri liquidi a temperatura ambiente (non gassati né alcolici). Assumere a stomaco pieno, per mantenere più a lungo la vitalità e l'efficacia dei fermenti lattici. Formato 30 capsule da 440 mg. Cod. VZDT023 ..

Scrivi commento